Intelligenza artificiale e creatività

Tutte le mattine, percorrendo la strada con la mia automobile per recarmi al lavoro presso un cliente, nell’avvicinamento ad una curva ampia verso sinistra che si raggiunge alla velocità di 50 chilometri all’ora, il sensore di prossimità mi avverte con un beep piuttosto preoccupato che sto per schiantarmi sulle auto parcheggiate a lato strada. Forse dovrebbe essere meglio regolato il livello di avvertimento ma è un esempio di come la tecnologia stia progressivamente intervenendo sui compiti che erano fino a poco tempo fa in carico ad un essere umano: sensori intelligenti e semplici algoritmi che aprono la strada all’intelligenza artificiale nella vita quotidiana. Nel caso specifico della curva svolgono un gioco fondamentale sia il sensore di prossimità che, soprattutto, il tempo di elaborazione dell’algoritmo che valuta la velocità del veicolo rispetto alla distanza del possibile crash. Fino a questo punto non è il caso di parlare di intelligenza artificiale, anche se un po’ di ingegno viene prodotto dal nostro apparato di controllo dello schianto. Diventa intelligenza artificiale, o se ne avvicina, quando lo strumento aggiunge alla variabili di calcolo anche l’abitudine del guidatore a sterzare verso sinistra, comportamento che nel giro di qualche secondo dovrebbe avere luogo, mitigando così la ripetitiva e rumorosa azione sonora di avvertimento. Entra così in gioco l’apprendimento automatico del sistema che arricchisce la propria capacità decisionale.

Leggi tutto: Intelligenza artificiale e creatività

App di condivisione di massa

L’utilizzo delle app per smatphone sta progressivamente trasformandosi in una battaglia continua di violazioni di privacy, intrusioni e, per immediata conseguenza, divieti e censure all’uso stesso ad un livello geopolitico globale.

Fra India e Cina sta accadendo proprio questo e non è escluso che nei prossimi anni il “conflitto” possa estendersi ad altre aree della terra.

Leggi tutto: App di condivisione di massa

Cancellazione automatica

Nella Conferenza degli sviluppatori di tutto il mondo dello scorso mese di aprile, Apple ha presentato una serie di nuove funzionalità di sicurezza e privacy che si adattano a quelli che l'azienda chiama i suoi quattro principi sulla privacy. Google annuncia contemporaneamente alcuni suoi ulteriori miglioramenti sulla privacy, basati su quelli che il CEO di Google afferma essere "tre principi importanti" della privacy. Uno dei principi definiti rilevanti è quello secondo il quale i prodotti e le applicazioni dovrebbero conservare le informazioni sul loro utilizzo solo per il tempo davvero utile per l'utente.

Leggi tutto: Cancellazione automatica

Buste rosse digitali

Durante il Capodanno Cinese si ripete la tradizionale e diffusissima usanza di regalare augurali buste rosse, dette anche hongbao, che augurano un futuro propizio attraverso questo dono il cui contenuto è pieno di banconote rigorosamente nuove. L'origine leggendaria nasce in tempi remoti e narra che per proteggere i bambini da oscure presenze notturne i genitori si munissero di buste rosse contenenti monete dorate che con il loro abbagliare erano in grado di esorcizzare il demone. Con il trascorrere dei secoli le buste rosse sono diventate un'abitudine per augurare buona fortuna e per mostrare gratitudine e rispetto in tutte le occasioni di festa.

Leggi tutto: Buste rosse digitali

Blogs network

Iscrizione alla newsletter

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
Con l'iscrizione riceverai news sul mondo dell'IT e Big Data.
Back to Top