I big data nei giochi online

Non esiste settore nel quale i Big Data non trovino oggi una collocazione ed anche il settore dei giochi online, d’azzardo o di intrattenimento, ha trovato prevedibile applicazione. L’industria del gambling e dei casinò online utilizza sempre più i big data per sviluppare giochi personalizzati in base alle esigenze dei diversi giocatori. I più grandi operatori del settore possiedono ingegneri dedicati a questo tipo di analisi. Tuttavia, possiamo dire che i primi ad analizzare i big data per migliorare il loro business sono stati i bookmaker online, che lo hanno fatto per generare le migliori quote e strumenti personalizzati per ciascun utente, come bonus e offerte varie.

Anche l’industria del gioco del poker ha utilizzato l’analisi dei big data per fornire informazioni preziose ai suoi giocatori fedeli. Tra le applicazioni di big data possiamo sicuramente citare i vari calendari per tenere traccia dei principali tornei di poker dal vivo, ma anche tutti gli strumenti che aiutano gli utenti a tenere traccia delle statistiche di gioco di altri giocatori e utilizzare le informazioni per migliorare il proprio modo di giocare.

L’indagine sui comportamenti dei giocatori nei casinò online ha consentito di raccogliere importanti informazioni e utili suggerimenti per creare nuovi giochi più accattivanti e impegnativi. Infatti, come accaduto nel caso di “FarmVille”, gli sviluppatori di giochi online tengono in conto fattori quali i gusti e i comportamenti dei giocatori per riuscire a non deluderli quando per una sconfitta sarebbero indotti ad abbandonare un gioco e per creare un’offerta personalizzata in base alla durata delle sessioni di gioco, del tempo trascorso e del potenziale di spesa.

I big data sono presenti anche nei giochi di ruolo e una delle aziende che ha per prima sfruttato questo vantaggio tecnologico è Reality Games. Il logo Landlord Real Estate Tycoon è probabilmente diventato il primo gioco Big Data al mondo. Landlord Real Estate Tycoon è un vero magnate del business che trasforma il mondo in un gigantesco gioco da tavolo e permette ai giocatori di diventare veri strateghi sul mercato immobiliare.

Il gioco sfrutta le tracce lasciate da oltre 3 miliardi di dispositivi mobili attivi nel mondo. Landlord ha sfruttato questo enorme volume di tracce per realizzare uno dei giochi più unici e autentici nel suo genere. Si acquista e si vende, si riscuotono gli affitti di edifici e monumenti iconici e l'intera esperienza è alimentata da un enorme pool di dati del mondo reale. Si inizia con piccoli investimenti comprando negozi all'angolo e altri servizi locali, ma i più bravi scopriranno presto che stanno costruendo un patrimonio netto e accumulando un impero immobiliare. Il gioco offre una simulazione realistica del trading di proprietà con tutti i prezzi degli edifici e i rendimenti degli affitti basati sul mercato reale.

Ciò che distingue davvero Landlord Go dai suoi rivali è la tecnologia. Il gioco utilizza la realtà aumentata per offrire un'esperienza di compravendita di immobili davvero realistica. I valori delle proprietà sono calcolati in base a un'ampia gamma di fattori reali, inclusa la distanza dell'edificio dal centro città e dai servizi locali, e i rendimenti degli affitti sono influenzati dal numero di visitatori che la tua proprietà sta attirando. Se un altro giocatore visita una delle tue proprietà nella vita reale, dovrà pagarti l'affitto digitale nel gioco. L’azienda che lo ha prodotto si è avvalsa delle scansioni satellitari fornite dalla NASA, aiutando così gli sviluppatori a dividere il mondo in 10 miliardi di trame uniche in cui è possibile mappare impronte digitali e informazioni sulla proprietà. Lo studio utilizza un'intelligenza artificiale e una piattaforma dati proprietaria chiamata Big Dots per aggiungere i dati del mondo reale come l’altezza degli edifici, la posizione, etc… al gioco. L'attenzione ai dettagli è davvero senza precedenti.

 

Blogs network

Iscrizione alla newsletter

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
Con l'iscrizione riceverai news sul mondo dell'IT e Big Data.
Back to Top